Cassazione, ordinanza n. 13424/2021

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 13424 del 18 maggio 2021 ha affermato che il detentore di un immobile ha diritto...

- Cassazione, ordinanza n. 13424/2021

- Contenzioso tributario

- Ristrutturazione edilizia

- Bonus edilizi

- Detentore Registrazione

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 13424 del 18 maggio 2021 ha affermato che il detentore di un immobile ha diritto alle detrazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia anche senza un contratto registrato, in presenza di elementi idonei a provare la data certa del medesimo. In particolare, secondo la Cassazione l’art. 1 della legge 449/1997 (ora art. 16-bis del TUIR) nel riconoscere il diritto all’agevolazione anche a vantaggio dei detentori dell’immobile non stabilisce alcun obbligo di registrazione della scrittura privata costitutiva della detenzione. Pertanto, in presenza di circostanze di fatto idonee a dimostrare l’anteriorità della costituzione della detenzione rispetto alla data di inizio dei lavori la spettanza dell’agevolazione fiscale deve essere riconosciuta. La conclusione raggiunta dalla Corte non appare pienamente convincente se si considera che l’art. 1, comma 346 della legge 311/2004 sancisce la nullità dei contratti di locazione o che costituiscono diritti relativi di godimento di unità immobiliari che, ricorrendone i presupposti, non sono registrati. Con la conseguenza che un contratto nullo poiché non validamente registrato non può costituire titolo idoneo alla detenzione dell’immobile, da cui dipende la fruizione dell’agevolazione edilizia.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto