Corte Cassazione ord. n. 11620 del 2021

Con l’ordinanza n. 11620/2021 la Cassazione è tornata a pronunciarsi in tema di residenza fiscale enunciando...

- Cass., sent. n. 11620/2021

- Residenza fiscale

- AIRE

- Domicilio fiscale

- Regime impatriati

Con l’ordinanza n. 11620/2021 la Cassazione è tornata a pronunciarsi in tema di residenza fiscale enunciando il seguente principio di diritto “ai fini dell'accertamento della residenza fiscale in Italia di persona fisica iscritta all'AIRE deve accertarsi se la persona fisica abbia fissato o mantenuto in Italia il proprio domicilio, come disciplinato dal codice civile, riconoscibile ai terzi, inteso come stabile fissazione nel territorio dello Stato, per la maggior parte del periodo di imposta, del luogo della gestione dei propri interessi ed affari”. In particolare, ai fini della configurabilità della residenza fiscale in Italia, la Corte, in conformità con la disciplina europea, valorizza la riconoscibilità del domicilio da parte dei terzi e la presenza di legami personali o familiari sul territorio italiano. Ebbene, il predetto orientamento della Cassazione assume rilevanza anche per tutte quelle agevolazioni introdotte per favorire il trasferimento della residenza fiscale in Italia (ad es. l’agevolazione per gli impatriati) posto che l’iscrizione all’AIRE può risultare condizione necessaria ma non sufficiente per accedere al regime agevolativo qualora l’Agenzia ritenga sulla base dei parametri sopra indicati che il contribuente abbia mantenuto il proprio domicilio in Italia.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto