Bozza circolare e provvedimento CFC

Nuova disciplina CFC: i primi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Lo scorso 5 luglio l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato lo schema di circolare di commento alla nuova disciplina CFC (come modificata dal d.lgs. 142/2018, attuativo della Direttiva ATAD) e lo schema di provvedimento con i nuovi criteri per determinare in modalità semplificata il requisito dell’effettivo livello di tassazione di cui al comma4, lett. a), dell’articolo 167 del TUIR. Tali bozze, in consultazione fino al 6agosto, ove confermate nel testo definitivo, introdurranno alcune  interpretazioni innovative. Ad esempio, si specifica che, ai fini del calcolo del tax rate effettivo, devono essere considerate tanto le imposte sul reddito effettivamente dovute dalla controllata nella giurisdizione di residenza, al netto dell’utilizzo di eventuali crediti d’imposta per i redditi prodotti in Stati diversi da quello di insediamento quanto le imposte prelevate sui redditi della controllata estera in altre giurisdizioni, versate a titolo definitivo e non suscettibili di rimborso. Mentre, ai fini del calcolo del tax rate virtuale interno, l’Agenzia ha, da un lato, confermato che rileva soltanto l’IRES e, quindi, che non si tiene conto né di eventuali addizionali né dell’IRAP e, dall’altro, in discontinuità con quanto previsto dal precedente provvedimento n. 143239 del2016, affermato che l’ACE non deve essere considerata ai fini del confronto trai livelli impositivi. Resta poi confermata la non rilevanza ai fini di tale calcolo delle regole sulle società non operative e in perdita sistematica, degli studi di settore e della disposizione relativa alla rateizzazione delle plusvalenze.

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto