Cassazione sentenza n. 8719/2021

Con la sentenza n. 8719 del 30 marzo 2021 la Suprema Corte si è pronunciata sul trattamento fiscale della reintestazione...

- Cassazione sentenza n. 8719/2021

- Contenzioso tributario

- Trust

- Disponente

- Rinuncia irrevocabile beneficiari

- Imposta di successione

- Imposta donazione

Con la sentenza n. 8719 del 30 marzo 2021 la Suprema Corte si è pronunciata sul trattamento fiscale della reintestazione formale dei beni in trust al disponente, seguita alla rinuncia irrevocabile da parte dei beneficiari. Il Collegio evidenzia che come nel trasferimento dei beni dal settlor al trustee, fiscalmente neutro in quanto attuativo degli scopi di segregazione e apposizione del vincolo, anche nel caso di ritorno dei beni al disponente, dovuto alla cessazione anticipata del trust, non si realizza un trasferimento effettivo di ricchezza. Pertanto, l’applicazione dell’imposta sulle donazioni e delle imposte ipotecarie e catastali proporzionali non si avrà in caso di “retrocessione” dei beni al disponente, bensì soltanto a seguito del trasferimento finale dei beni al beneficiario. Solo in tale ultimo caso, difatti, si manifesterà un effettivo indice di ricchezza ai sensi dell’art. 53 Cost. Avvalorando l’indirizzo più recente sull’imposizione indiretta in merito alla dotazione del trust, la Cassazione sceglie di privilegiare, ai fini del tributo successorio e donativo, l’indagine sull’arricchimento effettivo piuttosto che sul “trasferimento intersoggettivo” recentemente richiamato dall’Amministrazione finanziaria nella risposta ad interpello n. 106 del 15 febbraio 2021.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto