Cassazione, Ss.uu., Sentenza N. 8500 Del 25 Marzo 2021

Con la sentenza n. 8500 del 25 marzo 2021 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate...

• Cassazione, sezioni unite, sentenza n. 8500 del 25 marzo 2021

• Sezioni Unite

• Contenzioso tributario

• Decadenza

• Potere accertamento

• Dichiarazione integrativa

• Componenti di redditi pluriennali

Con la sentenza n. 8500 del 25 marzo 2021 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si sono pronunciate sui termini di decadenza per l’accertamento di componenti di reddito a rilevanza pluriennale. Secondo la Corte la decadenza dev’essere sempre valutata con riferimento al periodo di imposta in cui assume rilevanza il singolo rateo di suddivisione di tale componente anche laddove la contestazione abbia ad oggetto il suo fatto generatore ovvero il relativo presupposto in diritto. Di conseguenza, le Sezioni Unite hanno escluso che la definitività del periodo di imposta in cui detto fatto o presupposto si sono manifestati impedisca il sindacato dell’Agenzia delle Entrate. Alle conclusioni raggiunte dalla Cassazione consegue che la possibilità riconosciuta all’Amministrazione finanziaria dovrebbe specularmente ammettersi in favore del contribuente. Difatti, in sede di dichiarazione integrativa dovrebbe ritenersi permesso intervenire su componenti del reddito imponibile a carattere pluriennale nonostante sia scaduto il termine di integrazione della dichiarazione relativa alle annualità in cui se ne è manifestato il fatto generatore o se ne è verificato il presupposto in diritto (ad es. l’ammontare delle perdite riportabili).

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto