Commento Alla Risposta Ad Interpello N. 129 Del 2 Marzo 2021

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 129 del 2 marzo 2021 ha confermato che nel caso di operazioni...

-        Risposta ad interpello n. 129 del 2 marzo 2021

-        Art. 173, comma 4, d.P.R. 917/1986 (TUIR)

-        Perdite fiscali

-        Eccedenze ACE

-        Scissione

-        Posizioni soggettive

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 129 del 2 marzo 2021 ha confermato che nel caso di operazioni straordinarie di scissione le posizioni soggettive generiche, quali le perdite fiscali e le eccedenze ACE, devono essere attribuite fra le partecipanti in proporzione delle quote di patrimonio netto contabile trasferito o rimasto in capo alla scissa. A dire dell’Agenzia, infatti, tali posizioni soggettive, quand’anche attribuite alla scissa nell’ambito di una precedente operazione di fusione per incorporazione, non possono essere considerate specifiche posizioni soggettive connesse, in via diretta o per insiemi, ad alcuni soltanto degli elementi patrimoniali della società scissa. Con la conseguenza che non può trovare applicazione il criterio di ripartizione c.d. analitico. L’adozione di un criterio proporzionale di ripartizione, in presenza di posizioni soggettive univocamente connesse all’azienda già incorporata dalla scissa tramite fusione, potrebbe tuttavia comportare effetti distorsivi, ad esempio, ove quest’ultima abbia una limitata capacità di assorbire le perdite fiscali connesse al ramo d'azienda trasferito.

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto