Commento Alla Risposta Ad Interpello N. 136 Del 2 Marzo 2021

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 136/2021 ha ritenuto applicabile il regime degli impatriati ai contribuenti...

-        Risposta ad interpello n. 136 del 2 marzo 2021

-        Art. 16, d.lgs. 147/2015

-        Regime impatriati

-        Distacco

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 136/2021 ha ritenuto applicabile il regime degli impatriati ai contribuenti che ritornano in Italia a seguito di distacco all’estero qualora il rientro non sia determinato dalla naturale scadenza del distacco, si ponga in discontinuità rispetto alla precedente posizione lavorativa qui svolta oppure nel caso in cui il distacco sia stato prolungato al punto da produrre un affievolimento dei rapporti con il territorio italiano. Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate continua a ritenere non spettante l'agevolazione sulla base di non meglio definiti indici di continuazione con il precedente ruolo aziendale, esponendo così lavoratori dipendenti e sostituti d’imposta a sanzioni nel caso in cui il regime di favore sia poi disconosciuto sulla base di contestazioni fattuali. Tale rischio risulta ancor più accentuato alla luce della non condivisibile interpretazione fatta propria dall'Agenzia dell'Entrate nei precedenti documenti di prassi, secondo cui il contribuente potrebbe fruire dell'agevolazione solo mediante il sostituto d’imposta o nella sua dichiarazione dei redditi e non sarebbe legittimato a pagare e chiedere successivamente il rimborso.

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto