Commento Alla Risposta Ad Interpello N. 149 Del 4 Marzo 2021

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 149/2021 ha escluso che la cessione di beni patrimoniali tra loro non funzionalmente...

- Risposta ad interpello n. 149 del 4 marzo 2021

- Art. 2, comma 3, lett. b), d.P.R. 633/1972

- Art. 40, d.P.R. 131/1986

- IVA / Imposta sul valore aggiunto

- Imposta di registro

- Azienda

L’Agenzia delle Entrate con la risposta ad interpello n. 149/2021 ha escluso che la cessione di beni patrimoniali tra loro non funzionalmente organizzati per l’esercizio dell’attività d’impresa, quali titoli obbligazionari, finanziamenti, derivati e partecipazioni, dia luogo ad una cessione d’azienda o di ramo d’azienda esclusa dal campo di applicazione dell’IVA. Secondo l’Agenzia è necessario identificare i fattori rivelatori dell'esistenza dell'azienda o del ramo d'azienda nella organizzazione, nei beni e nel loro fine per l'esercizio dell'impresa, nel senso di verificare la sussistenza di una coesione unitaria dei suddetti elementi, funzionalmente legati da un rapporto di complementarietà strumentale, contraddistinti dall'essere destinati all'esercizio dell'impresa. Il trasferimento di asset, laddove questi non costituiscano un insieme organicamente finalizzato ed autonomamente idoneo all’esercizio dell’attività d’impresa, non configura ai fini IVA cessione d’azienda o di ramo d’azienda, bensì cessioni di singoli beni. Tale prassi conferma la necessità di eseguire una valutazione caso per caso in funzione delle peculiarità dei beni trasferiti e dell’attività esercitata per stabilire se sussiste un nesso di funzionalità tale da poter configurare un trasferimento d’azienda.

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto