Corte di Cassazione nella sentenza n. 19212/2021

Antieconomicità dell'operazione - Irrilevanza ai fini dell'esercizio della detrazione IVA

# agenzia delle entrate # cassazione # anti economicità # detrazione #I VA

La Suprema Corte di Cassazione nella sentenza n. 19212/2021, ha ribadito il principio secondo cui non è consentito all’Amministrazione Finanziaria negare il diritto alla detrazione dell’imposta in capo al soggetto passivo sull’assunto che il prezzo per l’acquisto di beni o servizi sarebbe antieconomico o superiore rispetto a quello da considerare normale, salvo solo il caso in cui l’antieconomicità dell’operazione rilevi come indizio della non veridicità dell'operazione, oppure della non verità del prezzo o, ancora, di mancanza di inerenza e, cioè, di destinazione del bene o del servizio acquistati per scopi diversi dal compimento di operazioni attive soggette ad IVA. 

Tale pronuncia si pone in continuità con il consolidato orientamento della giurisprudenza comunitaria secondo cui In materia di I.V.A., ai fini della valutazione dell'inerenza, il giudizio di congruità ha una diversa incidenza, di per sé non idonea ad escludere il diritto a detrazione, salvo che l'antieconomicità manifesta e macroscopica dell'operazione sia «tale da assumere rilievo indiziario di non verità della fattura o di non inerenza della destinazione del bene o servizio all'utilizzo per operazioni assoggettate ad I.V.A.» (Corte di Giustizia, 20 gennaio 2005, C-412/03, Hotel Scandic Gasaback). 

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto