Interpello n. 904-91/2023 della DRE Lombardia

Con la risposta a interpello n. 904-91/2023 la DRE Lombardia ha ritenuto soggetti ad Iva i corrispettivi ricevuti come controvalore della rinuncia...

Con la risposta a interpello n. 904-91/2023 la DRE Lombardia ha ritenuto soggetti ad Iva i corrispettivi ricevuti come controvalore della rinuncia al contenzioso in sede di transazione.

In particolare, l’Amministrazione finanziaria ha ritenuto che i corrispettivi ricevuti “a saldo e stralcio” del credito in sede di transazione dalla curatela fallimentare, quale controvalore della rinuncia al contenzioso per il risarcimento dei danni verso gli amministratori della società debitrice, rientrano nell’ambito di applicazione IVA, integrando il presupposto oggettivo dell’art. 3, comma 1 del DPR n. 633/1972.

Il corrispettivo percepito a fronte della rinuncia dimostrerebbe, infatti, l’esistenza di uno scambio di prestazioni (sinallagma contrattuale), stante il nesso tra l’obbligo di “non fare” (non agire) e il pagamento da parte degli amministratori. Pertanto, tali somme rappresenterebbero il corrispettivo di una prestazione di servizi, assoggettabile ad IVA.

Nell’interpello in commento, dunque, l’Agenzia delle Entrate conferma il proprio consolidato orientamento secondo cui sarebbe assoggettabile ad IVA il corrispettivo ricevuto a fronte dell’accordo transattivo, essendo irrilevante l’eventuale effetto “novativo” della transazione.

#AgenziadelleEntrate #transazione #Iva

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto