Mandato fiduciario germanistico escluso dal Registro dei titolari effettivi

Niente obbligo di comunicazione al Registro dei titolari effettivi per il mandato fiduciario germanistico...

A seguito della recente operatività del Registro dei titolari effettivi di società di capitali, di persone giuridiche private, di trust produttivi di effetti giuridici rilevanti ai fini fiscali e di istituti giuridici affini ai trust, sta emergendo una linea interpretativa volta ad escludere la rilevanza, ai fini della comunicazione dei dati sulla titolarità effettiva, del mandato fiduciario c.d. “germanistico” (si veda, da ultimo, la comunicazione di Assofiduciaria del 31 ottobre 2023).

Tale posizione interpretativa trae origine da un duplice ordine di considerazioni: da un lato, il contratto di mandato fiduciario germanistico non comporta il trasferimento in capo alla società fiduciaria conferitaria della proprietà del bene o del diritto, ma solo l’intestazione formale del bene o del diritto stesso; dall’altro lato, il potere dispositivo della società fiduciaria si manifesta esclusivamente per dare attuazione alle singole istruzioni scritte conferite di volta in volta dal fiduciante. In altre parole, nel mandato fiduciario germanistico non c’è la spoliazione della titolarità dei beni affidati in amministrazione, ma soltanto il riconoscimento della legittimazione in capo alla fiduciaria a esercitare in nome e per conto del fiduciante i poteri di amministrazione, secondo le regole del mandato. Tali caratteristiche rendono il mandato fiduciario germanistico inidoneo ad essere considerato come “istituto giuridico affine al trust”, ad eccezione delle sole ipotesi in cui si verifichi una spoliazione in capo al fiduciante della titolarità effettiva dei beni affidati in amministrazione.

Alla luce delle considerazioni sopra esposte, si ritiene non sussistente un obbligo di comunicazione al Registro dei titolari effettivi in capo alle società fiduciarie.

#mandatofiduciario #comunicazione #titolarità #effettiva

Condividi

News Correlate

Interpello n. 904-91/2023 della DRE Lombardia

Con la risposta a interpello n. 904-91/2023 la DRE Lombardia ha ritenuto soggetti ad Iva i corrispettivi ricevuti come controvalore della rinuncia...

leggi tutto
Decreto sul contenzioso tributario

Lo schema di decreto sul contenzioso tributario approvato dal Consiglio dei Ministri in attuazione della delega fiscale prevede una serie di novità...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 2009 del 17 novembre 2023

Con l’ordinanza n. 32009/2023, la Suprema Corte di Cassazione ha ribadito l’ammissibilità e l’utilizzabilità delle dichiarazioni dei terzi...

leggi tutto