ordinanza della Corte di Cassazione n. 29535 del 22 ottobre 2021

Con l’ordinanza n. 29535/2021, la Suprema Corte di Cassazione, con riferimento agli avvisi di accertamento emessi mediante l’applicazione degli studi di settore...

Con l’ordinanza n. 29535 del 22 ottobre 2021, la Cassazione ha ribadito che il contribuente può contestare l’avviso di accertamento emesso dall’Amministrazione finanziaria attraverso l’applicazione degli studi di settore, giustificando lo scostamento reddituale in ragione delle caratteristiche socio economiche del comune ove opera l’impresa. 

In particolare, con l’ordinanza in commento la Suprema Corte respinge un ricorso per cassazione proposto dall’Agenzia delle Entrate mediante il quale l’Amministrazione finanziaria eccepiva che ai fini della fondatezza dell’accertamento è sufficiente il disallineamento del reddito dichiarato rispetto agli studi di settore, laddove il contribuente abbia omesso di partecipare al contradditorio regolarmente istaurato dall’ufficio. 

Senonché, la Cassazione ha ritenuto la tesi dell’Amministrazione destituita di fondamento posto che l’esito del contradditorio endoprocedimentale, la cui istaurazione è obbligatoria nel caso di accertamento tributario emesso mediante l’applicazione degli studi di settore, non condiziona l’impugnabilità dell’atto impositivo da parte del contribuente. Pertanto, il destinatario dell’avviso di accertamento, anche se non ha risposto all’invito al contradditorio in sede amministrativa, può contestare l’esistenza del maggior reddito accertato sulla base di circostanze di fatto, quali, ad esempio, le caratteristiche socio economiche del comune ove opera l’impresa.  

# studi di settore # contradditorio # avviso di accertamento 

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto