Ordinanza della Corte di cassazione n. 32287 del 21 novembre 2023

La Corte di Cassazione ha ritenuto rilevante sottoporre all’attenzione delle Sezioni Unite la questione relativa al perfezionamento della notifica...

La Corte di Cassazione ha disposto la trasmissione del ricorso al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite della questione se la notifica di un atto a mezzo PEC possa dirsi perfezionata in caso di casella piena del destinatario.

Sul punto esistono due diversi orientamenti della giurisprudenza di legittimità: il primo secondo cui nel caso di mancata ricevuta di avvenuta consegna per causa imputabile al destinatario, come per essere la casella satura, la notificazione si ha per perfezionata, con la conseguenza che il notificante può procedere all'utilizzazione dell'atto come se fosse stato notificato; il secondo per cui, in caso di notificazione a mezzo PEC del ricorso non andata a buon fine, ancorché per causa imputabile al destinatario (nella specie per "casella piena"), ove concorra una specifica elezione di domicilio fisico - eventualmente in associazione al domicilio digitale - il notificante ha il più composito onere di riprendere idoneamente il procedimento notificatorio presso il domiciliatario fisico eletto in un tempo adeguatamente contenuto, non potendosi, invece, ritenere la notifica perfezionata in ogni caso con il primo invio telematico.

Ebbene, la Suprema Corte, preso atto di tali orientamenti contrastanti ha pertanto ritenuto la suddetta questione di massima di particolare importanza e pertanto, trasmesso gli atti al Primo Presidente affinché sottoponga la questione alle Sezioni Unite.

#notifica #perfezionata #pec

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto