Ordinanza n. 33313 dell’11 novembre 2021

La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 33313 dell’11 novembre 2021 si è pronunciata sul trattamento impositivo ai fini dell’imposta di registro...

La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 33313 dell’11novembre 2021 ha rimesso al Primo Presidente, affinché valuti la remissione alle Sezioni Unite, due tematiche particolarmente discusse in giurisprudenza, una riguardante la nozione di “deposito in caso d’uso” di un atto, l’altra concernente il trattamento ai fini delle imposte indirette della ricognizione di debito. 

In particolare, il caso sottoposto al vaglio della Suprema Corte riguardava una nota di riconoscimento di debito che l’Agenzia delle Entrate aveva ritenuto assoggettabile a registrazione in caso d’uso. Il contribuente riteneva che l’atto non dovesse essere registrato, in quanto depositato per meri fini probatori, e, in ogni caso, non poteva applicarsi l’imposta di registro in misura fissa in quanto non avente contenuto patrimoniale. 

Per quanto riguarda la nozione di “deposito in caso d’uso”, la Suprema Corte ha chiesto di valutare la remissione alle Sezioni Unite alla luce della scarsa chiarezza della norma e delle differenti posizioni espresse dalla giurisprudenza, che non consentono di risolvere la problematica interpretativa. 

Quanto alla questione del trattamento impositivo della ricognizione del debito, la Suprema Corte ha ripercorso i vari orientamenti della giurisprudenza di legittimità, mostrando di aderire alla posizione secondo cui la ricognizione di debito è un atto non avente natura dichiarativa o prestazioni a contenuto patrimoniale, con la conseguenza che, se la ricognizione è contenuta in atti pubblici o scritture private autenticate vi è obbligo di registrazione in “termine fisso”, se si tratta di scritture private non autenticate, si procede a registrazione solo “in caso d’uso”. 

La posizione della Corte di Cassazione è senz'altro condivisibile laddove esclude che la ricognizione di debito abbia natura dichiarativa né tantomeno contenuto patrimoniale, con la conseguenza che non può essere in alcun modo assoggettata ad imposta proporzionale di registro. Pertanto, si auspica che le Sezioni Unite, aderendo a tale orientamento, possano risolvere in maniera definitiva quest’annosa questione interpretativa. 

# Cassazione # registro # ricognizione di debito 

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto