Principio di diritto n. 9 del 6 aprile 2021

Con il principio di diritto n. 9 del 6 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla disciplina CFC alle società...

- Principio di diritto n. 9 del 6 aprile 2021

- Disciplina CFC

- Tassazione nominale

- IRES

- IRAP

- Dividendi da paesi c.d. black list

Con il principio di diritto n. 9 del 6 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulla disciplina CFC alle società controllate residenti o localizzate in Stati o territori a regime fiscale privilegiato, di cui all’articolo 167 del TUIR, nella versione in vigore fino all'11 gennaio 2019, in particolare sulle modalità per valutare se il relativo livello nominale di tassazione risulti inferiore al 50 per cento di quello applicabile in Italia. In particolare, l’Agenzia, richiamando la Circolare n. 35/2016, chiarisce che nell’effettuare il confronto dei livelli di tassazione nominali, bisogna considerare, sul fronte italiano, l’IRES e l’IRAP, mentre sul fronte estero, le corrispondenti imposte sul reddito delle società facendo riferimento alla Convenzione per evitare le doppie imposizioni vigente con lo Stato di volta involta interessato. Tale chiarimento è senz’altro utile ai fini della dell'applicabilità dell’art. 47-bis, comma 1 lett. b) del TUIR in tema di tassazione dei dividendi provenienti da Paesi c.d. Black List. Resta tuttavia la criticità circa la rilevanza, ai fini del confronto tra i livelli nominali di tassazione, dell’IRAP, la quale non essendo un’imposta sui redditi non dovrebbe essere presa in considerazione ai fini in esame.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto