Provvedimento Direttore Agenzia delle Entrate n. 88314 del 6 aprile 2021

Con provvedimento n. 88314 del 6 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate ha dettato le disposizioni di attuazione...

- Contenzioso tributario

- Accertamento

- Termini notifica

- Proroga

- Covid19

- Decreto Rilancio

- Decreto Sostegni

- Notifica atti di accertamento

- Notifica avvisi bonari

Con provvedimento n. 88314 del 6 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate ha dettato le disposizioni di attuazione del decreto-legge n. 34/2020 (Decreto Rilancio), relativamente alla proroga dei termini per la notifica di atti e avvisi bonari. In particolare, con riferimento agli atti per la cui emissione i termini di decadenza scadevano tra l’8 marzo ed il 31 dicembre 2020 (non, quindi quelli i cui termini di decadenza erano già scaduti prima o scadranno nel 2021) che, ai sensi dell’art. 157 del Decreto Rilancio (s.m.i.), dovevano essere emessi entro il 31 dicembre 2020 e notificati tra il 1° marzo 2021 ed il 28 febbraio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha previsto che la notifica sia effettuata distribuendoli in modalità pressoché uniforme e nel rispetto dell’ordine cronologico di emissione, fatti salvi i casi di indifferibilità od urgenza, o quelli in cui il perfezionamento degli adempimenti fiscali richiede il contestuale versamento di tributi. Medesima regola è prevista per gli avvisi bonari che dovevano essere elaborati o emessi entro il 31 dicembre 2020, con una specifica deroga prevista per consentire l’espletamento delle attività necessarie per dare attuazione alla definizione agevolata degli avvisi bonari introdotta dall’art. 5 del decreto-legge 41/2021 (Decreto Sostegni).

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto