Risposta a interpello n. 500

Gli interessi derivanti dai finanziamenti erogati da una banca estera priva di stabile organizzazione in Italia...

Con la risposta a interpello n.500 del 21 luglio 2021, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sul corretto trattamento fiscale degli interessi pagati ad una banca estera priva di stabile organizzazione in Italia da clienti ivi residenti, non esercenti attività d'impresa, per effettuare investimenti all'estero. In particolare, l’Istante erroneamente riteneva di non dover tassare i proventi in Italia, posto che l’impego dei capitali avveniva all’estero. L’Agenzia, invece, ha dapprima chiarito che per "impiego del capitale" si intende l'impiego operato dal percettore del reddito ossia, nel caso di specie, dalla banca istante. In secondo luogo, ha richiamato l’art. 23, comma 1, lettera b) del TUIR, secondo cui si considerano prodotti in Italia i redditi di capitale corrisposti dallo Stato, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso di soggetti non residenti, con esclusione degli interessi e altri proventi derivanti da depositi e conti correnti bancarie postali, e l’art. 44, comma 1, lettera a) del TUIR, a norma del quale sono redditi di capitale gli interessi e gli altri proventi derivanti da mutui, depositi e conti correnti. Sulla base di tale normativa, dunque, l’Agenzia delle Entrate ha correttamente chiarito che gli interessi derivanti dai finanziamenti erogati dalla banca estera priva di stabile organizzazione in Italia a persone fisiche residenti sono soggetti ad imposizione in Italia.

#Agenziadelleentrate #interpello #interessi

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto