Risposta ad interpello 21 aprile 2021, n. 279

Con risposta ad interpello n. 279/2021, l'Agenzia ha chiarito che il contribuente, nel caso di correzione di errore contabile...

• Risposta ad interpello n. 279/2021

• Errori contabili

• Avviamento

• Ammortamento “ridotto”

• Deducibilità maggiore quota  

• Dichiarazione integrativa

• Principio competenza

• Art. 109, comma 4, TUIR

• Art. 67, comma 4, “vecchio” TUIR

• Risoluzione n. 51/2005

Con risposta ad interpello n. 279/2021, l'Agenzia ha chiarito che il contribuente, nel caso di correzione di errore contabile e, in particolare, di svalutazione dell’avviamento ammortizzato per quote inferiori rispetto a quelle previste dai principi contabili, potrà recuperare la maggiore quota di deduzione fiscale calcolata tenendo conto della corretta imputazione a conto economico (art. 109, c. 4, TUIR) mediante dichiarazioni integrative ex art. 2, c. 8, d.P.R. n. 322/1998 e, quindi, non oltre i termini di decadenza stabiliti dall’art. 43 d.P.R. 600/1973. Di contro, le maggiori quote di ammortamento non dedotte relative ai periodi di imposta non più emendabili risulteranno non recuperabili da parte del contribuente. L’Agenzia ripropone la tesi secondo cui, in caso di ammortamento “ridotto”, non sarebbe più consentita la deducibilità del minore ammontare delle quote di ammortamento dedotte rispetto al coefficiente di ammortamento fiscalmente rilevante. Tale tesi non è però sostenibile, essendo stata abrogata l’ipotesi (art. 67, c. 4, vecchio TUIR) di irrecuperabilità fiscale del minore ammontare dedotto rispetto alla metà del coefficiente tabellare e restando affidata alla discrezionalità del contribuente la scelta della durata massima del piano di ammortamento (ris. 51/2005).

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto