Risposta ad interpello n. 238/2021

Con la risposta ad interpello n. 238/2021, l’Agenzia ha chiarito che anche per il conferimento della nuda proprietà delle...

- risposta ad interpello n. 238/2021

- operazioni straordinarie

- realizzo controllato

- conferimento partecipazioni

- nuda proprietà

- art. 177 del TUIR

Con la risposta ad interpello n. 238/2021, l’Agenzia ha chiarito che anche per il conferimento della nuda proprietà delle partecipazioni di minoranza qualificata può trovare applicazione il regime del c.d. “realizzo controllato” di cui al comma 2-bis dell’art. 177 del TUIR in quanto la nuda proprietà, pur priva di diritti di voto, conserva la propria attitudine a rappresentare una percentuale del capitale della società scambiata. Diversamente, per i conferimenti della nuda proprietà di partecipazioni di controllo, senza contestuale attribuzione dei diritti di voto, non può trovare applicazione il regime del “realizzo controllato” di cui al comma 2 del medesimo art. 177 del TUIR, atteso che per l’applicazione di tale regime è necessario che, per effetto del conferimento, la società conferitaria acquisisca il controllo sulla società scambiata.  La condivisibile posizione dell’Agenzia conferma, quindi, che i due regimi di “realizzo controllato”, pur condividendo i medesimi meccanismi applicativi, si caratterizzano per un diverso perimetro oggettivo di applicazione che si giustifica in virtù delle diverse finalità perseguite.

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto