Risposta ad interpello n. 258/2021

Con la risposta n. 258 del 19 aprile 2021 l’Agenzia delle Entrate si è espressa sul trattamento fiscale dei dividendi erogati...

• Risposta n. 258/2021

• Dividendi

• Fondazione svizzera

• Trasparenza  

• Convezione contro le doppie imposizioni

• Residente ai fini della Convezione contro le doppie imposizioni

Con la risposta n. 258 del 19 aprile 2021 l’Agenzia delle Entrate si è espressa sul trattamento fiscale dei dividendi erogati da società italiane nelle quali investe una fondazione svizzera tramite un Fond Commun de Placement di diritto elvetico. In particolare, nonostante la trasparenza fiscale del fondo non consenta di identificarlo come “persona residente” ai fini della Convenzione, l’Agenzia riconosce che l’applicazione della ritenuta convenzionale sui dividendi distribuiti al fondo possa essere invocata dagli investitori del medesimo, purché gli utili di gestione siano loro imputati ai fini dell’imposizione nel rispettivo Stato di residenza, come nel caso di specie. Inoltre, nel rispetto dei presupposti applicativi del Trattato, l’Agenzia evidenzia che la fondazione può dirsi treaty entitled in quanto soggetto passivo d’imposta, pur godendo in concreto di un’esenzione riconosciuta dalla normativa svizzera.  Ponendosi nel solco di quanto recentemente affermato con la risposta n. 156/2020, l’Agenzia torna ad esprimersi sul regime dei soggetti “trasparenti” ai fini dell’applicazione delle Convenzioni contro le doppie imposizioni, fornendo ulteriori chiarimenti con riferimento alla soggettività passiva dei beneficiari finali dei proventi erogati da tali soggetti.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto