Risposta ad interpello n. 301/2021

Con la risposta ad interpello n. 301/2021 l’Agenzia ha chiarito che il cedente che emette fattura non utilizzando la...

Con la risposta ad interpello n. 301/2021 l’Agenzia ha chiarito che il cedente che emette fattura non utilizzando la partita IVA italiana in caso di operazioni domestiche intercorrenti tra soggetti non stabiliti in Italia può regolarizzare la propria posizione mediante il pagamento di una sanzione compresa fra 250 e 10.000 euro ex art. 6, comma 9bis.2, del D.lgs. 471/1997, definibile mediante ravvedimento operoso, qualora il cessionario abbia erroneamente assolto l’imposta attraverso il meccanismo del reverse-charge. In particolare, l’Agenzia, in continuità con la Circolare 16/2017, ha condivisibilmente ritenuto applicabile la disciplina del comma 9bis.2 in quanto, per un verso, l’erronea fatturazione operata dal cedente è stata determinata dalle imprecise informazioni fornite dal cessionario e non da un intento di frode o evasione, e per altro, la cessione di specie rientrava nell’ambito delle operazioni riconducibili alle ipotesi dell’inversione contabile, ma per le quali non ricorrevano tutte le condizioni per la sua applicazione. Infine, l’Amministrazione ha precisato che la sanzione è dovuta in base a ciascuna liquidazione mensile o trimestrale, posto che è in tale sede che si procede alla determinazione dell'imposta, e con riferimento a ciascun cessionario.

Condividi

News Correlate

24/5/2021
Cassazione, ordinanza n. 13424/2021

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 13424 del 18 maggio 2021 ha affermato che il detentore di un immobile ha diritto...

leggi tutto
21/5/2021
Risposta interpello n. 327/2021

L’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 327 dell’11 maggio 2021 ha fornito chiarimenti in merito al regime fiscale...

leggi tutto
20/5/2021
Principio di diritto n. 10 2021

Con il Principio di diritto n. 10/2021 l’Agenzia ha chiarito che in caso di trasferimento all’estero di un compendio...

leggi tutto