risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

Con la risposta a interpello n. 581del 9 settembre, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non è dovuta alcuna sanzione in caso di restituzione del contributo a fondo perduto di cui all’art. 1 del decreto-legge n. 41/2021 “decreto sostegni” indebitamente percepito laddove i chiarimenti dell’Ufficio siano pervenuti soltanto inseguito alla percezione dello stesso da parte del contribuente. In particolare, nel caso di specie, l'istante dichiarava di aver percepito, in data 27 aprile2021, il contributo a fondo perduto di cui al decreto sostegni e di aver preso contezza della non spettanza dello stesso solo a seguito dei chiarimenti forniti dall'Agenzia delle entrate con la circolare n. 5/E del 2021 con cui appunto l’Amministrazione ha chiarito che “gli importi derivanti dall’estromissione/assegnazione dei beni dell’impresa non risultano riconducibili alla nozione di fatturato di cui al comma 4, dell’articolo 1 del decreto sostegni”. 

L’Agenzia, considerato che i chiarimenti in proposito sono stati resi solo a percezione del contributo già avvenuta, ha correttamente ritenuto in applicazione dell’art. 10 dello statuto del contribuente che, il contribuente fermo restandola restituzione del contributo, comprensivo degli interessi, non sia tenuto a versare alcuna sanzione. 

La posizione dell’Agenzia delle Entrate è senz’altro condivisibile, tuttavia non si può non constatare che sebbene una simile posizione di apertura sia stata assunta in passato dall’Amministrazione anche in materia di credito di imposta per ricerca e sviluppo laddove era stato riconosciuto al contribuente, nell’ipotesi di errata fruizione del credito in assenza di chiarimenti, la non debenza di sanzioni, l’Agenzia sempre più frequentemente tende invero poi in sede di contenzioso a contestare le sanzioni per la fruizione di crediti inesistenti anche nelle ipotesi di errori commessi dal contribuente in assenza di chiarimenti dell’Amministrazione.

#contributofondoperduto#decretosostegni #sanzioni

Condividi

News Correlate

Ordinanza Corte di Cassazione n. 15477/2022

In ogni ipotesi di scissione, sia essa parziale o totale, per i debiti fiscali della società scissa, anteriori alla scissione, rispondono solidalmente e illimitatamente tutte le società partecipanti all’operazione...

leggi tutto
Ordinanza n. 258 del 12 maggio 2022

La Commissione Tributaria Regionale per la Toscana ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dell’art. 12, comma 7, dello Statuto dei diritti del contribuente nella parte in cui non estende il diritto...

leggi tutto
Bozza provvedimento Agenzia delle Entrate per procedura riversamento credito r&s

l’Agenzia delle Entrate ha fornito i primi interessanti chiarimenti sulle modalità e termini per aderire alla procedura di riversamento spontaneo dei crediti di imposta per attività di ricerca e sviluppo...

leggi tutto