Risposta DRE interpello n. 909/1222/2021

Per il Sismabonus nei centri storici il concetto di progetto unitario va inteso come limitato al concetto di singola unità strutturale

Con la risposta ad interpello n.909-1222/2021, la Direzione regionale dell’Emilia Romagna dell’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sui requisiti necessari per fruire del Sismabonus per interventi effettuati su edifici ubicati in centri storici. In particolare, il caso sottoposto all’attenzione dell’Agenzia riguarda un edificio unifamiliare le cui mura perimetrali sono aderenti a quelle di altri due edifici, di epoche diverse e con caratteristiche strutturali differenti. L’Amministrazione finanziaria, richiamando quanto in precedenza affermato dalla Commissione di monitoraggio delle Linee Guida per la “Classificazione del rischio sismico delle costruzioni”, ha ritenuto di dover escludere l’applicabilità del Sismabonus poiché gli interventi agevolabili, ove riguardino centri storici, devono essere eseguiti sulla base di un progetto unitario e non su singole unità immobiliari.

Tuttavia, la nozione di progetto unitario non è espressamente definita e per chiarire i dubbi generati tra gli operatori si è recentemente pronunciata la medesima Commissione, concludendo che “il riferimento a progetti unitari possa essere inteso come limitato al concetto di singola unità strutturale, una volta individuata, e non necessariamente all’intero aggregato edilizio che tipicamente caratterizzai centri storici” (Parere del 13 luglio 2021, n. 4).Diversamente, visto il “frazionamento delle proprietà che interessano talirealtà” sorgerebbero “seri limiti di applicazione del sismabonus o supersismabonus senza poter ottenere una diffusa prevenzione del rischio sismico che sta alla base della ratio dei benefici che le agevolazioni fiscali di cui trattasi vogliono raggiungere”.

Quest’ultima interpretazione sembra senz’altro da privilegiare e si auspica che l’Agenzia delle Entrate pubblichi a breve un documento di prassi per recepire le indicazioni della Commissione.

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 65 del 18 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla neutralità di un’operazione di fusione nazionale estera tra società aventi una stabile organizzazione nel territorio dello Stato

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 1797 del 20 gennaio 2023

la Suprema Corte di Cassazione ha precisato che, alla luce dell’art. 19 del d.lgs 546/1992 che consente l’impugnazione anche degli atti impositivi atipici...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 98 del 19 gennaio 2023

l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’imponibilità nel territorio dello Stato di emolumenti corrisposti dal datore di lavoro non residente...

leggi tutto