Risposte ad interpello n. 225/2021 e 89/2021

Con la risposta ad interpello n. 225/2021 l’Agenzia delle Entrate ha confermato che la riorganizzazione societaria avente...

- Risposte ad interpello n. 225/2021 e 89/2021

- Operazioni straordinarie

- Riorganizzazione societaria

- Scissione

- Conferimento di partecipazioni

- Abuso del diritto

- Patent box

Con la risposta ad interpello n. 225/2021 l’Agenzia delle Entrate ha confermato che la riorganizzazione societaria avente ad oggetto due operazioni di scissione seguite da un conferimento di partecipazioni non costituisce abuso del diritto ai fini dell'imposte dirette ed indirette e del regime agevolativo del patent box. In particolare, posto che la concatenazione di operazioni ha per effetto quello di realizzare una più ordinata catena di controllo, l’Agenzia ha condivisibilmente osservato che non si realizza alcun vantaggio fiscale indebito, dal momento che tali atti risultano fisiologici alla complessiva riorganizzazione societaria. La fattispecie analizzata, infatti, si discosta da quella oggetto della risposta ad interpello n. 89/2021, laddove, con riferimento ad una operazione di scissione parziale proporzionale con attribuzione del ramo finanziario ad una Newco seguita dall'acquisto di azioni proprie previamente rivalutate da parte di quest’ultima, l’Amministrazione finanziaria aveva rilevato che la cessione delle partecipazioni previamente rivalutate alla società̀ emittente da parte dei soci di minoranza si traduce in un indebito vantaggio fiscale ex art. 10-bis della L. 212/2000, posto che per effetto della rivalutazione si realizza un indebito risparmio d’imposta.

Condividi

News Correlate

Commissione Tributaria Regionale del Piemonte del 23 giugno 2021 n. 498

Con la sentenza n. 498/2021, la Commissione Tributaria Regionale del Piemonte ha confermato l’illegittimità degli avvisi di accertamenti che pongono in...

leggi tutto
Risposta ad interpello n. 579 del 6 settembre 2021

Con la risposta n. 579/2021, l’Agenzia delle Entrate ha affermato che è detraibile l’Iva relativa a prestazioni di servizi ricevute prima del fallimento...

leggi tutto
risposta ad interpello n. 581/21

Con la risposta n. 581/21, l’Agenzia ha chiarito che nessuna sanzione è dovuta dal contribuente che abbia erroneamente usufruito...

leggi tutto