Risposte ad interpello n. 461 e 464 del 2021

Irrilevanza delle pertinenze nel calcolo del numero delle unità immobiliari

# Agenzia delle entrate # Interpello # Superbonus

Con le risposte ad interpello n. 461 e 464 del 2021 l’Agenzia delle Entrate, ricordando che il Superbonus spetta anche se gli interventi sono realizzati su un immobile composto da due a quattro unità abitative interamente possedute da un unico proprietario o da più comproprietari, ha confermato che l'agevolazione spetta anche se tali interventi sono realizzati sulle parti comuni di edifici non in condominio. Inoltre, ai fini della verifica del limite del numero delle unità immobiliari le pertinenze non devono essere considerate autonomamente, sebbene distintamente accatastate. Questa impostazione, tuttavia, non vale per la verifica del limite di spesa su cui calcolare la detrazione, per cui occorre considerare tutte le unità immobiliari di cui si compone l’edificio incluse le pertinenze.

I principi così espressi hanno correttamente confermato quanto già sostenuto in risposta all’interrogazione in Commissione Finanze n. 5-05839 del 29 aprile 2021.Tuttavia, occorre sottolineare la mancata presa di posizione dell’Agenzia nella risposta n. 461 sulla questione relativa alla natura abusiva dell’operazione volta alla costituzione di un condominio ai fini dell’esecuzione di interventi agevolabili, che è stata ritenuta assorbita. Difatti, sarebbe interessante una pronuncia che escludesse l’esistenza di profili di abusività, posto che ai fini del Superbonus dovrebbe ritenersi rilevante la situazione di fatto esistente alla data di inizio dei lavori.

Condividi

News Correlate

Fondazione Nazionale Commercialisti, documento di ricerca del 14 febbraio 2023

La Fondazione Nazionale Commercialisti nel documento di ricerca pubblicato il 14 febbraio 2023 ha analizzato la disciplina della scissione mediante scorporo ai sensi dell’art. 2506.1 del c.c...

leggi tutto
Art. 1 d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13

Il d.lgs. 12 febbraio 2024, n. 13 pubblicato in G.U. il 21 febbraio 2024 3/2024 fissa le nuove...

leggi tutto
Ordinanza della Corte di Cassazione n. 3993 del 13 febbraio 2024

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il bene non destinato all’impresa genera crediti d’imposta “non spettanti”.

leggi tutto