Sentenza della Corte di Cassazione n. 21356 del 6 luglio 2022

la Corte di Cassazione ha ribadito che l’avviso di accertamento notificato alla società a ristretta base azionaria, anche se definitivo, non preclude al socio di contestare nel merito la sussistenza...

Con l’Ordinanza n. 21356 del 6 luglio 2022 la Corte di Cassazione si è pronunciata nuovamente con riferimento alle contestazioni che può elevare il socio di una società a ristretta base azionaria nel giudizio instaurato per l’annullamento dell’avviso di accertamento a lui notificato sulla base della presunzione pretorile di distribuzione di utili in nero.

In particolare, con l’unico motivo di ricorso per cassazione il contribuente domandava la riforma della sentenza di appello nella parte in cui i giudici della CTR avevano statuito che l'esistenza del giudicato nei confronti della società, formatosi senza che al relativo procedimento partecipasse il socio, precludesse la possibilità di eccepire contestazioni di merito circa la sussistenza del maggior reddito societario.  

Ebbene con l’Ordinanza in commento la Suprema Corte ha condivisibilmente accolto il ricorso del contribuente e cassato con rinvio la sentenza di appello.

In particolare, la Cassazione ha rilevato come l'avviso di accertamento emesso nei confronti della società non precluda al socio che non abbia partecipato al procedimento di contestare la sussistenza di tutti i fatti costitutivi dell'obbligazione tributaria.  

Pertanto, il socio destinatario di un avviso di accertamento notificato sulla base della presunzione di distribuzione di utili in nero nelle società a ristretta base azionaria potrà contestare non solo la presunta distribuzione degli utili, fornendo la prova che tali maggiori ricavi siano stati accantonati o reinvestiti ovvero dimostrando la propria estraneità alla gestione societaria, ma, allorché non abbia preso parte al processo instaurato dalla società, potrà altresì contestare  tutti i fatti costitutivi dell'obbligazione tributaria, senza alcuna limitazione, anche se l’accertamento nei confronti della società sia divenuto definitivo.

#presunzione #ristrettabaseazionaria #accertamentodefinitivo

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 569 del 22 novembre 2022

Con la risposta ad interpello n. 569 del 22 novembre 2022, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sul diritto alla detrazione dell’IVA a seguito di rivalsa tardiva specificando che nel caso in cui un intermediario commerciale si riveli un “missing trader”...

leggi tutto
Sentenza n. 44266 del 22 novembre 2022

la Corte di Cassazione, ritenendo non sussistenti i presupposti per la remissione della causa alle Sezioni Unite, ha confermato che il reato di indebita compensazione di cui all’art. 10 del d.lgs. n. 74...

leggi tutto
Sentenza della Corte di Giustizia di secondo grado della Sicilia n. 9784 del 17 novembre 2022

la CGT di secondo grado della Sicilia ha stabilito che nel caso in cui l’Amministrazione finanziaria procede all’annullamento dell’atto impugnato in autotutela a distanza di anni dalla proposizione...

leggi tutto