Sentenza della CTP di Milano n. 1670 del 14 giugno 2022

2022 la CTP di Milano, pronunciandosi in tema di registrazione del decreto di omologazione del concordato preventivo, ha stabilito che è illegittima la liquidazione dell’imposta di registro in misura proporzionale...

Con la sentenza n.1679 del 14 giugno 2022, la CTP di Milano si è pronunciata in tema di registrazione del decreto di omologazione del concordato preventivo.

In particolare, nel caso di specie, l’Agenzia delle Entrate, richiamando il comma 2 dell’art. 21 del TUR – ai sensi del quale “se le disposizioni contenute nell'atto derivano necessariamente, per la loro intrinseca natura, le une dalle altre, l'imposta si applica come se l'atto contenesse la sola disposizione che dà luogo alla imposizione più onerosa” – liquidava l’imposta di registro in misura proporzionale in relazione all’accollo del complessivo fabbisogno concordatario a carico del terzo assuntore in misura del 3% ex art. 9 Tariffa Parte I del TUR.

Senonché la CTP ha condivisbilmente ritenuto scorretta la ricostruzione operata dall’Ufficio, posto che secondo i principi che disciplinano l’imposta di registro, la tassazione dovrebbe essere commisurata esclusivamente all’attivo trasferito e non all’accollo.

Sul punto, i giudici di primo grado hanno correttamente dedotto che l’accollo nell’ambito di un concordato preventivo con terzo assuntore si caratterizza per la stretta connessione tra il soddisfacimento dei creditori concorsuali del fallimento da parte dell’assuntore, attraverso l’istituto dell’accollo, e il trasferimento in suo favore dei residui attivi fallimentari. Ne consegue che l’accollo rappresenta la contropartita dell’attivo trasferito e pertanto l’imposizione dovrebbe essere commisurata esclusivamente a tale attivo oggetto di trasferimento.

Di contro l’accollo del passivo non può essere assoggettato ad imposta, dal momento che ai sensi del comma 3 dell’art. 21 del TUR “non sono soggetti ad imposta gli accolli di debiti ed oneri collegati e contestuali ad altre disposizioni nonché le quietanze rilasciate nello stesso atto che contiene le disposizioni cui si riferiscono”.

#imopostadiregistro #accollo #concordato

Condividi

News Correlate

Ordinanza della Corte di Cassazione n. 23289 del 26 luglio 2022

la Corte di Cassazione ha ribadito che gli avvisi di recupero di crediti di imposta costituiscono manifestazioni della volontà impositiva..

leggi tutto
Sentenza della Corte di Cassazione n. 23526 del 27 luglio 2022

Con la sentenza n. 23526 del 27 luglio 2022, la Corte di Cassazione ha stabilito che l'IVA all'importazione non fa parte dell'obbligazione doganale definita dall'art. 5 del Regolamento UE del 9 ottobre 2013...

leggi tutto
Circolare n. 29 del 28 luglio 2022

L’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 29 del 28 luglio 2022 ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina delle Società Controllate Estere c.d. controlled foreign companies (CFC) di cui all’art. 167 del TUIR...

leggi tutto