Senza danno all’erario, l’errata applicazione del reverse charge è ravvedibile con il pagamento delle sanzioni in misura fissa

Senza danno all’erario, l’errata applicazione del reverse charge è ravvedibile con il pagamento delle sanzioni in misura fissa

L’articolo  commenta la risposta ad interpello del 28 aprile 2021, n. 301, con cui  l'Agenzia delle Entrate si è pronunciata sul corretto trattamento  sanzionatorio applicabile in caso di operazioni erroneamente effettuate in  regime di reverse charge, confermando la possibilità per il contribuente di regolarizzare la propria  posizione mediante ravvedimento operoso, con il versamento della sola  sanzione amministrativa fissa di 250 euro.

Condividi

News Correlate

16/4/2021
Regime degli impatriati: osservazioni critiche sui chiarimenti offerti dall’agenzia delle entrate in merito alle modalità di fruizione dell’agevolazione

Regime degli impatriati: osservazioni critiche sui chiarimenti offerti dall’agenzia delle entrate in merito alle modalità di fruizione dell’agevolazione

leggi tutto
12/2/2019
Il giudicato esterno sulla deducibilità dei costi ricorrenti formatosi in un periodo d'imposta spiega i suoi effetti anche sulle annualità successive

Il giudicato esterno sulla deducibilità dei costi ricorrenti formatosi in un periodo d'imposta spiega i suoi effetti anche sulle annualità successive

leggi tutto
7/2/2019
Brevi riflessioni sul possesso dei redditi delle c.d. Reoco a seguito della risposta n. 18/2019 dell'Agenzia delle Entrate

L’articolo “Brevi riflessioni sul possesso dei redditi delle c.d. Reoco a seguito della risposta n. 18/2019 dell'Agenzia delle Entrate” pubblicato sul “Sole 24 Ore – Diritto 24”

leggi tutto